Trimestrale di cultura civile

Il grande assente: il principio di responsabilità

  • MAR 2023
  • Giuseppe Guerini

Condividi

L’evidenza della fuga dalle responsabilità determina la fatica a riconoscere il valore collaborativo della cultura sussidiaria. Un deficit non solo da attribuire alla politica, ma anche a soggetti del Terzo settore che agiscono secondo pratiche che disattendono quelli che dovrebbero essere i motivi ideali caratterizzanti la loro intrapresa. E concorre a tale travaglio una riforma che non favorisce la libera espressione, bensì tende a bloccarla. Eppure, è proprio dal riconoscere la linfa vitale della cultura sussidiaria che potrebbe ripartire un percorso di ricostruzione; e prima di tutto della dimensione popolare della politica, quella che affonda le radici nel popolarismo di don Sturzo, nella questione morale di Enrico Berlinguer, nell’“I care” di don Milani, nella sostenibilità integrale di Papa Francesco. Si tratta di personalità che hanno scommesso e speso la propria vita investendo sulla centralità della persona. Una centralità concreta, da recuperare. E nel processo di recupero deve essere forte il richiamo all’assunzione di responsabilità. Questione che tocca tutti e ciascuno. Perché nessuno può chiamarsi fuori.

In un interessante articolo, comparso sul quotidiano la Repubblica lo scorso 9 dicembre 2022, Giorgio Vittadini esordiva con la domanda: “dove sono finite le realtà popolari, di ispirazione laica e cattolica, che hanno fatto grande l’Italia”? Una domanda dalla quale mi sono sentito interpellato e che mi ha risuonato dentro, come del resto risuonano gli argomenti sollevati dall’articolo, sui quali da tempo cerco di riflettere e di impegnarmi nel mio lavoro quotidiano: la crescita delle disuguaglianze, l’inarrestabile avanzare delle povertà, le grandi solitudini di famiglie e persone in situazione di bisogno a cui “lo Stato provvidenza” non riesce a offrire risposte né efficienti né efficaci, mentre il mercato può proporre soltanto una logica di consumo e, in ogni caso, mette in evidenza la fallimentare e inefficiente “allocazione ottimale” delle risorse, non solo nelle dinamiche ormai impazzite del mercato del lavoro, penso in particolare alla crescita esponenziale del “lavoro povero” e alle dinamiche “consumistiche” che stanno sempre più condizionando il mercato delle prestazioni sanitarie.

I risultati della “solidarietà organizzata”

Per molti anni, soprattutto in quasi tre decenni compresi tra la fine degli anni Settanta del secolo scorso e i primi anni Duemila, le formazioni sociali della “solidarietà organizzata” – cooperative, associazioni, fondazioni – hanno saputo farsi carico di molti bisogni emergenti dai mutamenti socio economici del Paese, portando uno straordinario contributo all’innovazione sociale che si è accompagnata all’implementazione di alcune straordinarie riforme: l’istituzione del Servizio Sanitario Nazionale, l’inserimento delle bambine e dei bambini con disabilità nelle scuole dell’obbligo, il superamento della segregazione della malattia mentale, l’organizzazione delle prima comunità per la cura delle persone con tossicodipendenza.

Questa capacità di innovazione sociale si realizzò prevalentemente in forma sussidiaria, ovvero molte di queste organizzazioni iniziarono a farsi carico dei bisogni, prima, e delle persone che li esprimevano, poi, per iniziativa motivazionale e non a seguito di appalti o affidamenti disposti dalle istituzioni. Con modalità e significati simili a quelle della parrocchia del quartiere milanese di Baggio, descritta dall’articolo di Vittadini.

Le formazioni sociali si mobilitavano non in cerca di commesse o convenzioni, ma spinte da una carica ideale e dal desiderio di essere attori di una trasformazione sociale, non realizzavano servizi, cercavano di produrre cambiamento. Si assumevano responsabilità dirette, affrontavano rischi, erano l’espressione della cultura dell’impegno. Creavano e riconoscevano persone che appunto si definivano “impegnate”. Le istituzioni spesso, non senza animate discussioni o conflitti, riconoscevano questo ruolo e a loro volta accettando la sfida del cambiamento, hanno restituito riconoscimenti e “istituzionalizzato innovazioni”.

Nascono da questa dinamica leggi come la 266/1991 e la 381/1991 che, rispettivamente, istituzionalizzarono, riconoscendone il valore e l’importanza, la funzione del volontariato e delle cooperative sociali.

Questo processo ha cambiato rotta negli ultimi anni, paradossalmente; contrariamente alle intenzioni e alle attese, la recente riforma del Terzo settore, anziché portare al centro dell’attenzione delle istituzioni la libera iniziativa delle formazioni sociali, rischia di arrovellarsi nel formalismo dei codici, dentro i quali spesso si nasconde da un lato la pretesa di controllo delle autorità statuali (pensiamo ai decreto contro le ONG che operano i salvataggi nel Mediterraneo), dall’altro la difesa quasi corporativa delle rendite di posizione di parte delle organizzazioni della società civile.

Infatti, la riforma del Terzo settore lanciata con grande enfasi nel 2014, approvata nel 2017 dopo tre anni di gestazione, languisce ancora in una incompiutezza che mette in evidenza la debole propensione della politica e degli apparati della pubblica amministrazione a mettersi davvero su di un piano di pariteticità con le formazioni sociali, nel perseguire gli interessi generali.

La debolezza della riforma

Avendo partecipato direttamente al dibattito sociale e culturale che si svolse attorno alla riforma, rileggendo oggi quel percorso, credo proprio che la principale debolezza dell’impianto risieda proprio nel non avere accompagnato quella riforma con una adeguata e profonda valorizzazione della cultura della sussidiarietà, che trovava un riferimento importante nell’articolo 118 della Costituzione Italiana: “Stato, Regioni, Città metropolitane, Province e Comuni favoriscono l’autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale, sulla base del principio di sussidiarietà”. È stata necessaria una sentenza della Corte Costituzionale, la n. 131 del luglio 2020 a ricordare a tutti l’importanza di questo principio, proprio in relazione alla funzione delle formazioni sociali.

La riforma del Terzo settore, da questo punto di vista, è anche emblematica di quella difficolta della sinistra italiana di farsi interprete dei bisogni di chi sta peggio (sempre dall’articolo di Vittadini) riconducendo il Terzo settore in un perimetro che oscilla fra la supplenza e la fornitura, che nonostante le premesse dichiarate nell’articolo 1 della legge di riforma, continua a immaginare gli enti di Terzo settore come erogatori di servizi e non come attori di una sussidiarietà compiuta che ne valorizzi responsabilità e autonomia.

L’enfasi con cui si parla di co-programmazione e co-progettazione per la regolazione dei rapporti tra amministrazioni pubbliche e Terzo settore è il rovescio di una medaglia che riporta questi strumenti che dovrebbero essere veicoli di sussidiarietà a semplici varianti tecniche per gestire rapporti contrattuali. A difettare però non è lo strumento tecnico amministrativo.

Quello che manca è la riflessione politica, la direzione di senso che dia coerenza alle intenzioni legislative, l’articolo 1 della riforma del Terzo settore ha un alto valore e significato, che non trova però interpreti politici che vogliano o sappiano farsene carico.

Il problema delle relazioni di natura “contrattuale”

Certamente non è tutta colpa della politica, poiché anche le stesse organizzazioni del Terzo settore, in fondo, sembrano adagiarsi volentieri nella posizione di erogatori di servizi e contraenti delle articolazioni dello Stato, non solo nel caso del Terzo settore produttivo a vocazione imprenditoriale (cooperative sociali e imprese sociali in primo luogo) ma anche nel caso di molte associazioni di promozione sociale o di volontariato che, più che di “promozione” sociale, finiscono per essere enti di produzione di prestazioni. Quindi a prevalere finiscono per essere le relazioni di natura “contrattuale” su quelle di natura sussidiaria.

Questa mutazione modifica profondamente due elementi fondamentali che, a mio parere, qualificano e caratterizzano la sussidiarietà. Il principio di responsabilità e la libertà, soprattutto la libertà di iniziativa (art. 118 della Costituzione). Contratti e convenzioni sono ovviamente strumenti indispensabili – e sono stati anche veicolo fondamentale di crescita e qualificazione – ma definiscono anche chiari e vincolanti rapporti di potere che, per certi versi, spiegano anche il consolidamento delle capacità di risposta verso i bisogni più riconosciuti, gli utenti più visibili, gli strati di popolazione verso i quali è più convergente il “consenso sociale e politico” e, di conseguenza, si consolida una forma di conservatorismo del welfare disegnato da un rapporto di forza tra committenti ed esecutori, che riduce gli spazi di libera iniziativa e di innovazione.

Il principio di responsabilità è il grande assente di questo tempo, lo è in senso generale. Mi pare che viviamo una stagione di grande fuga dalle responsabilità con una politica che vorrebbe avere il potere ma sempre pronta ad attribuire le cose che non vanno ad altri, riconcorrendo narcisisticamente soltanto i meriti, basti osservare il dibattito sull’Europa. Ma lo vediamo nel piccolo delle dinamiche quotidiane: gli insegnanti che devono difendersi da genitori che contestano i voti, i sindaci messi sotto accusa se un bimbo cade da uno scivolo al parco, l’automobilista che fa causa al comune se urtando un marciapiede squarcia una gomma dell’auto sostenendo che gli spigoli erano taglienti. Lo vediamo nei media e in modo abnorme e drammatico nei social network dove si possono scatenare campagne di disinformazione, di cui nessuno vuole sentirsi responsabile.

La conseguenza di questa dinamica è che si scambia la ricerca dei “colpevoli” per il riconoscimento delle responsabilità. L’attribuzione di colpa si sostituisce all’assunzione di responsabilità. Accade così che, ad esempio, i fallimenti delle politiche di contrasto alla povertà non diano corso a un dibattito su come possiamo farci carico dei poveri, ma a una zuffa tra chi assegna colpe ai poveri o chi questa colpa la vorrebbe attribuire ai ricchi.

Ma non è l’individuazione delle colpe bensì l’assunzione delle responsabilità la via per affrontare i problemi complessi come la povertà o il fenomeno migratorio. Altro tema per il quale la disputa sull’attribuzione delle colpe cancella qualsiasi discorso serio sulle responsabilità.

La visione confusa dei diritti privatizzati

Questa fuga dalla responsabilità, a mio parere, è uno dei motivi per cui, per molti aspetti, in Italia in questa stagione si fa fatica a riconoscere il principio di sussidiarietà. Eppure, proprio da qui potrebbe partire un percorso di ricostruzione della dimensione popolare della politica, quella che affonda le radici nel popolarismo di don Sturzo, nella questione morale di Enrico Berlinguer, nell’“I care” di don Milani, nella sostenibilità integrale di Papa Francesco. Tutte figure che hanno difeso e difendono fino in fondo i “diritti” delle persone, ma anche i diritti delle persone sono fortemente ancorati a una dimensione di responsabilità assunta in prima persona da chi i diritti li difende, li proclama o li rivendica, non come principi astratti ma come socialmente condivisi, compresi e comprensibili e quindi, in quanto tali, legati anche alla dimensione della vita concreta delle persone nei contesti vitali e comuni.

Per certi aspetti la continua rincorsa, invece, ai diritti privatizzati, spesso confusi con il desiderio individualizzato, che a volte troviamo nel dibattito politico di una parte della sinistra, hanno contribuito ad allontanarla dal Paese reale. Del resto, se la proposta antropologica prevalente nella politica è quella della enfatizzazione del diritto rivendicato dal singolo, che nella prospettiva del populismo di destra si manifesta con la demonizzazione del diverso e arriva all’estremo della rivendicazione del diritto al possesso libero delle armi, nella prospettiva elitaria di una parte della sinistra intellettuale, si mostra nel promuovere come diritto un desiderio egoistico di genitorialità a ogni costo, anche laddove la natura non lo consente. In entrambi i casi a scomparire sono le responsabilità comuni e le responsabilità verso l’atro. Non è una novità certo, anche Caino, interrogato da Dio sulla sorte di Abele, risponde: “sono forse io responsabile di mio fratello?”.

Ma proprio dalla stigmatizzazione del comportamento di Caino nasce la vocazione sociale della civiltà. La responsabilità verso l’altro è il primo passo per riconoscere anche l’esistenza di beni comuni e quindi il primo passo per sentirsi sussidiariamente chiamati in causa in un movente d’impegno sociale e civile e, quindi, anche politico.

Giuseppe Guerini è presidente di Confcooperative Bergamo e membro del Consiglio Nazionale di Confcooperative. Rappresenta il settore della cooperazione di lavoro nel Board di Cooperatives Europe

Contenuti correlati

È online il n.10 di Nuova Atlantide

In ascolto dei giovani
(che non conosciamo)

17 AGO 2023

Disagi estesi e profondi, non solo nelle periferie. E istanze positive, sovente disattese. C’è una frattura che riguarda una generazione. E che chiama in causa drammaticamente gli adulti


VIDEO | La presentazione a Milano del Rapporto 2022 sulla Sussidiarietà

La macchina ambrosiana del bene

5 GIU 2023 | GIAN CARLO BLANGIARDO, PAOLO BONASSI, GUIDO BORSANI, BARBARA COLOMBO, EUGENIO MASSETTI, GIUSEPPE SALA, ALBERTO SINIGALLIA, GIORGIO VITTADINI

Non c’è welfare senza solidarietà, non c’è crescita senza welfare. Blangiardo: lo sviluppo sociale non si misura con il solo Pil. Il sindaco Sala: rafforzare la collaborazione tra istituzioni, privato e volontariato


Vittadini su la Repubblica giudica la proposta Calderoli

Autonomia differenziata?
Così non si aiuta il rilancio del Paese

17 MAG 2023 | GIORGIO VITTADINI

Servono unità e coesione, e una visione strategica condivisa. Per risolvere i conflitti fra Stato e Regioni e combattere le diseguaglianze non basta ridistribuire le deleghe. E, nota bene: questa non è sussidiarietà


Scuola di Sussidiarietà di Macerata / Seconda lezione

Amministrazione condivisa:
leggi, prassi e prospettive di riforma

1 APR 2023 | Edoardo Caruso, Giulio Casilli, Anna Menghi, Maria Elena Tartari

Esternalizzazione e sussidiarietà per progetti. Il metodo della programmazione sociale: il “caso” Marche. I nuovi spazi di libertà e di intervento che si aprono per il Terzo settore


Scuola di Sussidiarietà di Macerata / Prima lezione

Le origini dell’amministrazione condivisa
e i cambiamenti che si prospettano

31 MAR 2023 | Giorgio Bisirri, Marco Caldarelli, Giulio Casilli, Renato Ruffini, Lorenza Violini

Co-programmazione e co-progettazione come forme di attuazione della sussidiarietà scritta nei Trattati europei e nella Costituzione. La spinta della Consulta, le previsioni del Codice del Terzo settore e alcuni esempi in atto


Movimento cooperativo alla prova

Quali risposte alla domanda di un nuovo mutualismo

MAR 2023 | Mauro Lusetti

La promozione di un modello di sviluppo sostenibile interpella le realtà del mondo cooperativistico. Si tratta di una sollecitazione provocante.


Forbice generazionale

Patto per l’infanzia: via alle politiche trasformative

MAR 2023 | Paolo Lattanzio

In Italia un milione e quattrocentomila bambini vivono in regime di povertà assoluta. In pratica, più degli abitanti di Milano. Un dato drammatico, assai spesso dimenticato.


Persone e competenze

La “nostra” Africa

MAR 2023 | Don Dante Carraro

Quale futuro per il continente africano? In che misura la crisi della globalizzazione sta frenando desideri, bisogni e voglia di costruire di quell’immensa regione del mondo? I problemi sono gravi, le contraddizioni enormi.


L’evoluzione di Italia Nostra

Tra sussidiarietà e comunità di patrimonio

MAR 2023 | Antonella Caroli

Il percorso in nome della bellezza di un corpo intermedio che si è sviluppato a partire dagli anni Cinquanta del secolo scorso per opporsi all’attuazione di piani di sventramento del centro storico di Roma.


Piattaforma Terzo Millennio

Come generare buona occupazione

MAR 2023 | Pierpaolo Bombardieri

Povertà, disuguaglianze, lavoro. Sono alcune parole chiave che fotografano la situazione precaria del nostro sistema Paese.


Sviluppo umano integrale

Sussidiarietà circolare e welfare di comunità

MAR 2023 | Stefano Zamagni

Oggi la sussidiarietà incontra ancora non poche difficoltà nella possibilità di attuazione pratica. Si scontra con resistenze culturali e perdurante confusione di pensiero.


L’età del packaging

Il narcisismo che “influenza” i rapporti

MAR 2023 | Luciano Violante, Silvia Becciu

Dall'Homo videns all'Homo filmans. C’è l’individuo che vive il quotidiano con lo scopo di filmare tutto.


La sorgente economia civile

Re-intermediare per ri-generare

MAR 2023 | Paolo Venturi

Oggi i decisori pubblici, siano essi centrali o territoriali, si trovano a vivere una sfida assai impegnativa: come immaginare e governare il cambiamento. La domanda di un’alternativa è nelle cose. Urge.


Politica colpevole

La disgrazia del neoliberismo selvaggio

MAR 2023 | Nadia Urbinati

Negli anni le decisioni assunte dalla politica hanno certamente responsabilità individuali e collettive comprovabili nell’aver permesso al neoliberismo aggressivo l’occupazione totale del mondo dei beni privati e pubblici.


Sostenibilità umana

Corpi intermedi: sussidiarietà sociale e stimolo politico

MAR 2023 | Tiziano Treu

Non è più il tempo del novecentesco Welfare State che certo ha avuto indubbi meriti. Ma davanti al manifestarsi di nuovi bisogni, sempre più inerenti i cittadini, tale formula ha mostrato e continua a palesare tutti i suoi limiti.


Coesione sociale

Le priorità del Terzo settore per il rafforzamento della sussidiarietà

MAR 2023 | Silvia Stilli

Oggi il vasto mondo dell’associazionismo fatica a comunicare la qualità del pronto intervento nel sociale: il bene fatto per bene.


L’Italia che fa l’Italia

Coesione è competizione

MAR 2023 | Ermete Realacci

Nel nostro Paese sono le imprese più coesive, vale a dire quelle che hanno un rapporto migliore con lavoratori, subfornitori, comunità, ambiente, che ottengono le prestazioni migliori.


Il tesoro dello Stivale

Lo scrigno prezioso della società civile

MAR 2023 | Paolo Cirino Pomicino

Negli ultimi trent’anni il pianeta è stato saccheggiato dal capitalismo finanziario, la vera peste del terzo millennio.


Il fattore Terzo settore

Trasformiamo la sussidiarietà da principio a realtà

MAR 2023 | Vanessa Pallucchi

Il Terzo settore si muove. E muove: oltre un milione di posti di lavoro, più di cinque milioni di volontari. Si tratta di un sicuro protagonista, esempio di modello virtuoso che sa coniugare ricchezza sociale con ricchezza economica.


Lo Stato a venire

Sussidiarietà, sviluppo sociale e potere pubblico

MAR 2023 | Franco Gallo

È indubbio che il paradigma bipolare pubblico-privato, antecedente l’entrata in vigore del Titolo V, sia stato messo in crisi. Le evidenze portano a rilevare come, dall’intervento del legislatore, sia divenuta centrale la figura del cittadino in quanto soggetto attivo.


Società giusta

Uguaglianza e solidarietà: ecco i temi di primo rilievo politico

MAR 2023 | Anna Finocchiaro

Quanto è avvertito oggi il sentimento di una fraterna comunanza di vita e di sorte? Quanto è matura la scoperta di condividere un’appartenenza a una sfera di comunità e a un destino comune? Argomenti forti, precisamente indicati come missione nella nostra Costituzione.


Vettore di crescita inclusiva

Il tempo della transizione sociale

MAR 2023 | Luigi Bobba

Il Terzo settore è chiamato a sfide molto importanti per essere protagonista della cosiddetta transizione sociale.


Svolta d’epoca

Le premesse culturali per una vera rivoluzione di sistema

MAR 2023 | Piero Bassetti

Siamo alle prese con un forte mutamento strutturale ed esistenziale che provoca la persona a riflettere sulle possibilità di trovare ambiti in un mondo ormai glocale dove i soggetti e le comunità, anziché valorizzati, vengono a tutti i livelli scoraggiati.


Antropologia positiva

Alle origini della amministrazione condivisa

MAR 2023 | Luca Antonini

In una logica hobbesiana, l’articolo 55 del Codice del Terzo settore non avrebbe alcuna ragione di esistere, in una antropologia positiva, l’amministrazione condivisa è invece lo sviluppo consequenziale di quel presupposto.


Globalizzazione sfinita

La sussidiarietà, scuola di speranza

MAR 2023 | Enzo Manes

L’allargamento della famosa forbice che, in modo figurato, traduce il malessere diffuso di un Paese rappresenta oggi l’accertato fallimento del neoliberismo selvaggio.


Nuova Atlantide N. 8 - Marzo 2023 | PERSONA, COMUNITA', POPOLO. Sussidiarietà

Persona, comunità, popolo

MAR 2023

Dibattito a più voci da uno spunto di Giorgio Vittadini. Un cantiere aperto per riattivare il motore inceppato del sistema-Paese. Alla ricerca di una nuova cooperazione tra le istituzioni e di queste con la società civile.

Clicca qui!