ARTICOLO | Documenti di "Atlantide" n. 42 (2018)

Energia e sviluppo: persone e innovazione nel futuro energetico

NOV 2020 | Emanuela Colombo

Il paradosso energetico africano “L’Africa è troppo ricca per essere povera!”. Con questa frase, Ade, un dottorando nigeriano del Politecnico di Milano, ha sintetizzato con coraggio il paradosso energetico del continente, durante la Conferenza Nazionale di Cooperazione e Sviluppo tenutasi a Roma a fine gennaio. Quale messaggio voleva trasmettere?


La prima edizione, 12 e 13 novembre 2019, ospita il Marocco

i Giorni del Sud

11 NOV 2019

Occorre a questo scopo tornare a considerare il Sud Italia come il centro di una delle aree di maggiore interesse al mondo – quella del bacino del Mediterraneo – e non come una periferia.


VIDEO | Quinta lezione della Scuola di formazione politica 

Nuovo nazionalismo e globalizzazione

5 APR 2019

Mentre la società globale sta avanzando non possono essere trascurate le identità nazionali e culturali. Come realizzare questa sintesi?


ARTICOLO | Primo Piano di "Atlantide" n. 45 (2019)

La sovranità in un mondo globalizzato

MAR 2019 | Mario Draghi

Discorso in occasione della Laurea ad honorem in Giurisprudenza, conferita a Mario Draghi il 22 febbraio 2019 dall’Università di Bologna.


ARTICOLO | Tema di "Atlantide" n. 42 (2018)

Il debito africano nel mirino della speculazione internazionale

MAR 2018 | Giulio Albanese

Parlare di democrazia, governance e diritti umani in Africa significa soprattutto prendere coscienza degli effetti negativi della finanziarizzazione dell’economia continentale, nella cornice della globalizzazione dei mercati.


ARTICOLO | Primo Piano di "Atlantide" n. 42 (2018)

Una terra da conoscere oltre i luoghi comuni

MAR 2018 | Luigi Mennella

La prima volta che ho visitato l’Africa era il 1990: Kenya, Tanzania e Uganda. Ritornai due anni più tardi: Tunisia e Marocco. A oggi credo mi siano rimasti da visitare soltanto il Burkina Faso, il Burundi e lo Swaziland e non c’è giorno che non scopra un angolo nuovo anche nella città in cui vivo attualmente, Abidjan, la capitale della Costa d’Avorio.


ARTICOLO | Primo Piano di "Atlantide" n. 39 (2017)

La lunga marcia della popolazione mondiale e le sfide che ci attendono

MAR 2017 | Giuseppe Gesano

1. Alcuni capisaldi La popolazione mondiale, dopo millenni di crescita molto lenta perché contrastata da diversi fattori sistematici e saltuari che la frenavano, raggiunse il primo miliardo intorno al 1804, il secondo quasi un secolo e un quarto più tardi, nel 1927, il terzo dopo solo trentatré anni, nel 1960, nonostante gli sconvolgimenti dovuti alla Seconda guerra mondiale.


ARTICOLO | Primo Piano di "Atlantide" n. 38 (2016)

Sete di pace e sete di sviluppo: nuovi modelli per ridurre il divario tra Nord e Sud

NOV 2016 | Claudio Descalzi

Oggi nel mondo vediamo grandi differenze. Un “Nord” e un “Sud” che vivono profondissimi divari e molte contraddizioni. Siamo 7 miliardi di persone, ma l’82% è concentrato in Paesi Non-Ocse, che hanno un PIL medio di circa 5.000$ pro capite. 1,3 miliardi di persone non hanno accesso all’energia elettrica, più o meno metà in Africa e metà in Far East.


ARTICOLO | Primo Piano di "Atlantide" n. 38 (2016)

Dal Migration Compact al piano europeo per gli investimenti nei Paesi terzi

NOV 2016 | Nino Sergi

“L’esplosione della crisi migratoria ha evidenziato la necessità di superare la frammentazione degli strumenti di azione esterna dell’Ue e di aggiornare l’Approccio Globale in materia di migrazione e mobilità, 2 rivedere il partenariato Ue-ACP3 e sviluppare ulteriormente i percorsi offerti dal Piano d’azione di La Valletta,4 dall’accordo Ue-Turchia5 e dai dialoghi che l’Ue sta promuovendo a livello regionale”.


ARTICOLO | Primo Piano di "Atlantide" n. 37 (2016)

Un piano d’azione per disinnescare la bomba demografica

AGO 2016 | Gian Carlo Blangiardo

Se la seconda parte dello scorso secolo ha visto accendersi – e poi gradualmente smorzarsi – le paure per lo scoppio della cosiddetta “bomba demografica” dovuta alla crescita della popolazione mondiale, con l’avvio del nuovo millennio l’attenzione si è spostata su un nuovo pericolo incombente: l’esplosione della mobilità internazionale.


ARTICOLO | Tema di "Atlantide" n. 37 (2016)

Migrazione, diritti umani e pluralità delle culture

LUG 2016 | Lorenza Violini

1. La società occidentale tradizionalmente libera e plurale non ha fatto fatica, in un primo tempo, a riproporre i propri valori – che per semplicità possono essere riassunti nell’espressione diritti umani –..


ARTICOLO | Primo Piano di "Atlantide" n. 37 (2016)

Migrazioni e Mediterraneo: cosa insegna la storia

GIU 2016 | Massimo Guidetti

L’inarrestabile movimento di gruppi di popolazioni che interessa le società italiana ed europea pone un interrogativo anche al nostro modo di guardare il passato...


SAGGIO | Per una rinascita umana e culturale

Quale futuro per l'Europa?

2014 | A CURA DI GIULIO SAPELLI, GIORGIO VITTADINI

Che cosa sta accadendo nel Vecchio continente dopo la crisi recente? Quali cambiamenti ciò comporta per la governance delle istituzioni nazionali e transnazionali? Come restituire fiducia al tessuto economico e culturale?


ARTICOLO | Documenti di "Atlantide" n. 30 (2013)

L’educazione nel XXI secolo è una questione di “sicurezza”

NOV 2013 | Tony Blair

L’ultima volta che mi sono seduto qui e mi sono rivolto ai membri del Consiglio di sicurezza ero Primo ministro: era il settembre del 2000 e il mondo sembrava molto diverso. Cercavamo di ripensare gli scenari della sicurezza dopo il crollo del Muro di Berlino.


ARTICOLO | Documenti di "Atlantide" n. 30 (2013)

Fraternità, fondamento e via per la pace

NOV 2013 | Papa Francesco

1. In questo mio primo Messaggio per la Giornata Mondiale della Pace, desidero rivolgere a tutti, singoli e popoli, l’augurio di un’esistenza colma di gioia e di speranza. Nel cuore di ogni uomo e di ogni donna alberga, infatti, il desiderio di una vita piena, alla quale appartiene un anelito insopprimibile alla fraternità, che sospinge verso la comunione con gli altri, nei quali troviamo non nemici o concorrenti, ma fratelli da accogliere ed abbracciare.


ARTICOLO | Tema di "Atlantide" n. 30 (2013)

L’ansia per la pace da Pio IX a papa Francesco

NOV 2013 | Francesco Occhetta

Quale posizione ha assunto la Chiesa davanti alle guerre del Novecento, che hanno provocato un numero di morti tre volte superiori a quelli che si erano avuti dal I al XIX secolo? Quali tappe caratterizzano l’evoluzione della «teologia della pace» nei pontificati compresi tra Pio IX e Francesco?


ARTICOLO | Primo Piano di "Atlantide" n. 30 (2013)

“Mare nostrum”, una scommessa sulla pace

NOV 2013 | Mario Mauro

Il 2013 è stato caratterizzato da una notevole instabilità nelle aree della sponda sud del Mediterraneo, del Medio Oriente e del Golfo, regioni strategiche per il mondo intero e tanto più per l’Italia, storicamente legata ai Paesi dell’area mediterranea da una lunga tradizione politica, economica, culturale e di solidarietà.


RICERCA | Rapporto sulla sussidiarietà 2011

Sussidiarietà e... città abitabile - 11° Rapporto

2011 | A CURA DI PAOLA GARRONE, CARLO LAURO

Per rendere abitabile una città non bastano, per quanto necessari, gli interventi delle amministrazioni pubbliche e degli investitori privati: occorre anche l’iniziativa di quanti riconoscono un problema all’interno della città e “dal basso” si uniscono ad altri per organizzare un tentativo di risposta (sussidiarietà).


RICERCA | Il lato virtuoso dell'immigrazione straniera

L'immigrato una risorsa a Milano

2011 | A CURA DI GIAN CARLO BLANGIARDO

L’universo degli stranieri è popolato da migliaia di «persone» che inseguono faticosamente il progetto di una vita migliore, e che per questo ripropongono alla società ospite quegli esempi di «senso di responsabilità» e «disponibilità al sacrificio» che il diffuso benessere aveva progressivamente ridimensionato....


ARTICOLO | Tema di "Atlantide" n. 23 (2011)

Riforme arabe e democrazia

GIU 2011 | Salvo Andò

Le proteste che negli ultimi mesi, quasi al ritmo di un tam tam, si sono susseguite nei Paesi del Nord Africa, hanno avuto come protagonisti soprattutto i giovani i quali, autoconvocatisi attraverso la rete e i social network, non erano e non sono espressione di movimenti politici organizzati né, stando agli sviluppi che le rivolte hanno avuto, intendevano organizzare un movimento politico capace di produrre una rivoluzione del tipo di quelle verificatesi negli anni Cinquanta-Sessanta.

Dai media

ilsussidiario.net | 18 FEB 2021