VIDEO | La presentazione dell’indagine Ipsos

"Gli italiani e i corpi intermedi: “Strategici per far fronte alla crisi”

15 OTT 2020 | PAGNONCELLI, SCAVO

Il 70% degli italiani considera il ruolo dei corpi intermedi importante per uscire dall'emergenza sanitaria


Tema Atlantide 38 . 2016 . 3

Globali, locali, innovativi e in rete. Le sfide per le ONG

NOV 2016 | Giampaolo Silvestri

Non è più lo stesso di trent’anni fa, ma neanche quello di dieci anni fa: il mondo della cooperazione allo sviluppo è stato investito in pieno da un cambiamento radicale che lo ha costretto e lo costringe tuttora a rinnovarsi.


Primo Piano Atlantide 38 . 2016 . 3

Identità, incontro e accompagnamento: alla radice di una vera partecipazione

NOV 2016 | Ilaria Schnyder von Wartensee

Da diversi decenni le organizzazioni internazionali e le istituzioni non governative (NGO) hanno adottato teorie e politiche per favorire uno sviluppo dal basso permettendo in questo modo la partecipazione di comunità e gruppi locali nel processo di sviluppo. Concetti quali community-driven, community engagement o empowerment sono diventati popolari.


RICERCA | Pima indagine quantitativa e qualitativa

La povertà  alimentare in Italia

2009 | A CURA DI LUIGI CAMPIGLIO, GIANCARLO ROVATI

Pima indagine quantitativa e qualitativa. Il volume raccoglie i risultati della prima indagine quantitativa e qualitativa sulla povertà alimentare in Italia, realizzata dalla Fondazione per la Sussidiarietà...


Tema Atlantide 5 . 2006 . 2

Il welfare in una società post-hobbesiana

LUG 2006 | Pierpaolo Donati

Lo Stato Moderno E Il Suo Sistema Di Welfare Nascono Dalla Soluzione Hobbesiana Dell’Ordine Sociale. Questa Soluzione, Che Storicamente Ha Assunto La Forma Democratica Del Lib-Lab, Ha Esaurito La Sua Spinta, Divenendo Patogena. L’Individuazione Di Un Nuovo Sistema Di Welfare Può Dunque Emergere Solo Dalla Ricerca Di Un’Alternativa Alla Soluzione Hobbesiana. Occorre Una Nuova Definizione Di Benessere, Che Non Può Più Essere Concepito Come Puramente Materiale, Utilitaristico E Individuale, Né Può Ricorrere A Soluzioni Normativo-Volontaristiche, Ma Deve Farsi Relazionale, Nel Senso Che La Felicità Consiste Primariamente Nelle Relazioni E Non Negli Oggetti-Merce