Sussidiarietà > Sussidiarietà
Dal Rapporto "Sussidiarietà e... governo delle infrastrutture" / 5

Dal progetto alla manutenzione
molti i regolamenti da migliorare

Quinta puntata della serie di brevi presentazioni dei contenuti salienti
del Rapporto sulla Sussidiarietà 2023

 

La realizzazione di nuove infrastrutture e l’ammodernamento di quelle già esistenti  è una partita cruciale per il nostro futuro del Paese, in cui le amministrazioni pubbliche giocano un ruolo fondamentale in tutte le fasi, dalla progettazione alla realizzazione alla manutenzione e controllo. Gli ostacoli che a questo punto si incontrano – come asserisce Alfredo Marra nell'introduzione a questa seconda parte del Rapporto, "Il quadro giuridico e istituzionale" (pp. 83-114)  – non sono esclusivamente, e nemmeno principalmente  costituiti  dalle regole dei procedimenti amministrativi,  ma "da quelle sull’organizzazione. Ed è anzitutto in questa prospettiva che la sussidiarietà ci sembra possa offrire un contributo originale al governo delle infrastrutture, almeno nella misura in cui si accetti di concepire la sussidiarietà come criterio flessibile per la migliore allocazione delle funzioni".

In questa prospettiva, i contributi mettono a fuoco alcune delle principali questioni giuridico-istituzionali, cercando anche  di evidenziare in che modo la sussidiarietà può essere un metodo profittevole.

CHIAMATA IN SUSSIDIARIETÀ

Il primo contributo, capitolo 7 del Rapporto,  scritto dallo stesso Marra, è incentrato sull'istituto della chiamata in sussidiarietà come leva per  valorizzare gli strumenti di dialogo e di leale collaborazione tra lo Stato e le Regioni. Vengono analizzate le difficoltà di coordinamento fra gli enti e proposte esperienze positive di interventi migliorativi sull'organizzazione.

Infrastrutture. Pnrr, occasione
per una nuova governance

12 DIC 2023 | GIORGIO VITTADINI

 

IL NUOVO CODICE

Alessandro Squazzoni  (cap. 8) esamina la normativa in materia di programmazione, progettazionee localizzazione di infrastrutture strategiche del nuovo Codice dei contratti pubblici, fa emergere quali sono i principali strumenti di concertazione tra le amministrazioni e di ascolto delle istanze delle comunità interessate. dalla realizzazione di opere infrastrutturali. Esprime favore per la finanza di progetto e la collaborazione pubblico-privato.

L'ACCESSO

Monica Delsignore (cap. 9) si concentra, invece, sulla disciplina dell’accesso alle infrastrutture da parte delle imprese e degli utenti.  Se un ruolo centrale è qui svolto dalle autorità di regolazione di settore, anche attraverso il potere di definizione delle tariffe non meno importanti sono le funzioni assolte dai Ministeri di riferimento e dal gestore dell’infrastruttura che, pur avendo spesso natura di s.p.a., resta comunque in mano pubblica.

 

Infrastrutture: come rilanciare
un dialogo per il bene comune

 

 

LA GESTIONE

Il capitolo 10 è dedicato alla gestione delle infrastrutture specie di proprietà pubblica. Scilla Vernile evidenzia vantaggi e limiti delle due principali alternative in campo, ossia il ricorso al mercato, mediante procedura a evidenza pubblica, o l’in house providing". Giovanni Mulazzani si occupa, invece, del ruolo del tutto particolare della Cassa depositi e prestiti. Luca Belviso tratteggia i caratteri degli speciali poteri del governo (c.d. golden powers) in relazione a operazioni societarie e di investimento di capitali stranieri in settori strategici, connessi all’utilizzo di infrastrutture (ad esempio reti di comunicazione elettronica).

VEDI TUTTI GLI ALTRI RAPPORTI

SCARICA IL RAPPORTO IN PDF 

SCARICA IL RAPPORTO IN EPUB 

Contenuti correlati

Che cosa è stato realizzato nel 2023 e con chi

I cantieri della sussidiarietà
nel XX anno della Fondazione

20 DIC 2023

Le ricerche sullo sviluppo sociale, sulla qualità del welfare e sulle infrastrutture. Le scuole di politica e di sussidiarietà, i seminari e i convegni. Con circa cento relatori fra docenti, politici, imprenditori e operatori del terzo settore


Presentazione a Milano del Rapporto 2023 della Fondazione

Senza costruire il consenso
le infrastrutture restano al palo

3 DIC 2023

Salvini: rimuovere gli intralci, assicurare il diritto alla mobilità. Gli ex ministri De Micheli e Lupi: paziente lavoro di coinvolgimento delle realtà interessate. Vittadini: anche il "Nimby" può essere un'opportunità


Articolo di Giorgio Vittadini sul quotidiano "Avvenire"

Solo una cultura sussidiaria
può rilanciare le infrastrutture

27 NOV 2023 | GIORGIO VITTADINI

Trasporti, energia, acqua, telecomunicazioni: le indicazioni che emergono dal Rapporto 2023 della Fondazione per la Sussidiarietà, presentato a Roma con il ministro Fitto e l'ex Delrio e a Milano con il ministro Salvini


Scuola di Sussidiarietà di Macerata / Prima lezione

Le origini dell’amministrazione condivisa
e i cambiamenti che si prospettano

31 MAR 2023 | Giorgio Bisirri, Marco Caldarelli, Giulio Casilli, Renato Ruffini, Lorenza Violini

Co-programmazione e co-progettazione come forme di attuazione della sussidiarietà scritta nei Trattati europei e nella Costituzione. La spinta della Consulta, le previsioni del Codice del Terzo settore e alcuni esempi in atto

Clicca qui!