Educazione > Università e Ricerca
VIDEO | Appunti dal webinar a cura del Dipartimento Università della Fondazione

Spunti per rafforzare e innovare
il diritto alla conoscenza

Condividi

Non solo mense e posti letto. Anche orientamento, accompagnamento, costante lettura dei bisogni, pluralità di servizi. Dialogo condotto da Lorenza Violini con il Rettore Franzini, il Direttore di Educatt Giornelli e il CEO di Camplus Carvelli

Nei giovani la conoscenza come domanda c’è. Ma come diritto? Tante volte poter studiare sembra diventato un privilegio. Innanzitutto dobbiamo chiederci quale idea di università vogliamo perseguire, per ragionare adeguatamente sul tema del diritto allo studio.
Ha preso le mosse da questa sollecitazione introduttiva della prof. Lorenza Violini, il webinar del 1 dicembre 2022, da lei coordinato, promosso dal Dipartimento Università della Fondazione per la sussidiarietà, che ha avuto per protagonisti Elio Franzini, Rettore dell’Università degli Studi di Milano, Maurizio Carvelli, CEO Camplus, Angelo Giornelli, Direttore generale Educatt e presidente Acru.

Qui una traccia sintetica con il relativo timing.

UNA DOMANDA VIVA DI CONOSCENZA

5’20” Per il Rettore Franzini, i giovani hanno “una domanda di conoscenza impressionante”, e l’università deve essere certamente un luogo di trasmissione del sapere e di innovazione. Luogo: implica presenza, relazioni, incontro. “Occorre garantire un contesto e servizi adeguati. Il diritto allo studio – ha concluso - è tuttora un tema centrale cui la politica deve dare la massima attenzione”.

 

 

Al tema "Conoscenza e Università" è dedicato il n. 6 di "Nuova Atlantide"

 

 

ACCOMPAGNARE IN TUTTO IL PERCORSO

15’20” Anche per Angelo Giornelli l’Università va considerata in tutta la sua realtà di luogo di conoscenza dentro una trama di relazioni e di socialità. IL diritto allo studio va quindi concepito a un duplice livello: a) l’accompagnamento di tutti nel percorso con attenzione ai bisogni che si modulano diversamente a seconda che sia l’accesso all’università, il tempo di frequenza, e l’uscita e b) il sostegno ai capaci e meritevoli che non hanno mezzi sufficienti.

COLLEGI COME CAMPUS

23’30” Maurizio Carvelli illustra la realtà dei “Collegi di merito” (1500 studenti) e delle Residenze per gli studenti (7500 posti letto) concepiti, specie i collegi, in una dimensione di vero e proprio campus.

STRUMENTI

32’00” Secondo giro di interventi, Con quali strumenti realizzare interventi di sostengo allo studio? Il Pnrr certamente è un’occasione imperdibile. Anche per prevenire il fenomeno dei Neet, che non studiano né lavorano, anche con un adeguato orientamento sin dalle scuole superiori.

RISORSE

54’30” I tre ospiti indicano la necessità che lo Stato investa in ricerca più del misero 0.9% del Pil, concordano che la cooperazione pubblico-privato è la strada giusta da perseguire. Inoltre semplificare le procedure per ottenere sussidi e borse di studio vanno decisamente semplificate e velocizzate, in modo che lo studente non debba anticipare lui il pagamento di tutte le spese.

Contenuti correlati

VIDEO | Appunti dal webinar del Dipartimento Università della Fondazione

Università: se la vera mission
è servire il bene della comunità...

8 GIU 2022 | Michele Faldi, Remo Morzenti Pellegrini, Riccardo Pietrabissa, Martina Saltamacchia

Atenei non torri d’avorio, ma aperti e tesi a sostenere la crescita culturale e sociale del territorio. Dibattito su problemi e prospettive della realtà italiana e confronto con l’esperienza degli Stati Uniti


Scuola di formazione politica 2022, appunti dalla quarta lezione

La leadership in università:
far vivere un vero “campus”

2 MAG 2022 | Francesco Cupertino, Giovanna Iannantuoni

La sfida del cambiamento al centro dell’azione di Giovanna Iannatuoni, rettrice dell’Università di Milano-Bicocca; e di Francesco Cupertino, rettore del Politecnico di Bari. L’ateneo non come lezionificio da gestire, ma come esperienza di crescita della persona in una comunità multidisciplinare aperta al mondo.

Clicca qui!