Welfare > Terzo settore
VIDEO | La presentazione dei risultati dell’indagine Ipsos

"Gli italiani e i corpi intermedi: “Strategici per far fronte alla crisi”

Condividi

Così la pensa il 70% degli intervistati. Il Terzo settore ritenuto indispensabile per assicurare i servizi di welfare. Permane una diffusa diffidenza non solo verso i partiti, ma verso le organizzazioni anche non profit che rappresentano interessi di categorie di cittadini.

 

I risultati dell'indagine "Gli italiani e i corpi intermedi" svolta da Ipsos per la Fondazione Astrid e Fondazione per la Sussidiarietà sono stati presentati il 15 ottobre 2020 da Nando Pagnoncelli e Andrea Scavo di Ipsos in un incontro cui hanno partecipato Franco Bassanini (Fondazione Astrid), Giorgio Vittadini (Fondazione per la sussidiarietà), Lorenza Violini (Università degli Studi di Milano), Giuditta Alessandrini (Università degli Studi Roma 3) e Tiziano Treu (CNEL). L’indagine è parte della ricerca, su "Ruolo, problemi e compiti dei corpi intermedi nella società e nella democrazia italiana" che si sta avvalendo del contributo di un selezionato gruppo di istituzioni interessate alla ricerca.

L’indagine mira a rilevare se e come sta cambiando la partecipazione degli italiani alla vita pubblica del Paese; se la pandemia ha inciso in qualche modo; e in particolare quale ruolo giocano e possono giocare i corpi intermedi nella società italiana e nella democrazia. 

L’Italia degli ultimi decenni ha conosciuto un notevole allentamento dei legami sociali. Innanzitutto i partiti hanno perso ruolo e credibilità, ma lo stesso fenomeno ha investito in varia misura sindacati e associazioni, anche come conseguenza di campagne denigratoria verso i corpi intermedi e verso tutte le forme di aggregazione strutturate per rappresentare bisogni e interessi dei cittadini. 
Tuttavia, anche a motivo dell’emergenza pandemica, gli italiani hanno ricominciato a sentire il bisogno di vivere in una società organizzata e a non aspettarsi risposte solo dallo Stato o dal mercato. Ritengono che l’attuale sistema democratico italiano non funzioni e sono diffidenti verso quei corpi intermedi che essi associano a interessi non chiari. Nello stesso tempo, però, pensano che le realtà del Terzo settore siano indispensabili al buon funzionamento dei servizi di welfare.
L’indagine ha rilevato che il 70% degli italiani considera il ruolo dei corpi intermedi strategico per uscire dall'attuale situazione di emergenza e permette al Paese di ripartire. 

Nel corso della presentazione Pagnoncelli e Scavo hanno spiegato come la visione degli italiani sui corpi intermedi presenti luci ed ombre "sia in termini di fiducia accordata sia rispetto alla percezione della loro importanza, di come questa è cambiata negli ultimi anni e di come è destinata a cambiare in futuro". Il quadro della fiducia vede infatti la maggior parte dei corpi intermedi non riscuotere particolare consenso tra gli italiani. Con l'eccezione di tre categorie - associazioni di volontariato (in cui il 72% degli intervistati dice di avere fiducia) seguite dalle associazioni di tutela dei consumatori (61%) e nelle fondazioni culturali (58%) - i corpi intermedi - come ad esempio sindacati, partiti, ordini professionali, camere di commercio, pubbliche amministrazioni e cooperative - hanno un gradimento inferiore al 50%.
Gli italiani riconoscono comunque ai corpi intermedi numerose funzioni importanti per la nostra società, tra le quali spiccano quelle di "collegamento tra le istituzioni e la cittadinanza nella rappresentanza di interessi altrimenti inascoltati” per “contribuire alla crescita e al benessere sociale dell’intero Paese” (41% delle risposte) e “supplire alle carenze delle politiche pubbliche e dei servizi pubblici” (34,2%).
 

 

Contenuti correlati

Webinar 27 Febbraio 2021

Per una riforma della sanità lombarda

27 FEB 2021 | Felice ACHILLI, Paolo Berta, Giorgio Vittadini

Primi spunti dagli operatori impegnati nella lotta al Covid. Sottoscrivi il documento


VIDEO | Dopo la sentenza 131 della Consulta

Sussidiarietà: la democrazia possibile

14 GEN 2021 | Giuliano Amato, Luca Antonini, Stefano Zamagni

Il cittadino come risorsa: critica di Hobbes e Rousseau. Sì a un sistema tripolare Comunità-Stato-Mercato. E a un’"amministrazione condivisa”


RICERCA | Rapporto sulla sussidiarietà 2009/2010

Sussidiarietà e... pubblica amministrazione locale

2009 | A CURA DI FONDAZIONE PER LA SUSSIDIARIETA'

Quali gli effetti e quali le potenzialità del principio di sussidiarietà sulle politiche sociali, dopo la riforma del Titolo V della Costituzione? Con quale impatto a livello istituzionale ed amministrativo? Urge adottare un nuovo paradigma


RICERCA | Rapporto sulla sussidiarietà 2007/2008

Sussidiarietà e... riforme istituzionali

2008 | A CURA DI FONDAZIONE PER LA SUSSIDIARIETA'

La Ricerca è costruita sulla base di una rilevazione capillare delle aspettative dei cittadini. Dare spazio a questo dato è apparso opportuno, perché troppo spesso il tema delle riforme è stato inquinato dalla convenienza politica contingente dimenticando il vero obiettivo: le riforme devono servire ai cittadini, al popolo...


ARTICOLO | Tema di “Atlantide” n. 5 (2006)

Welfare, Costituzione e regionalismo

LUG 2006 | Lorenza Violini

La riforma costituzionale del 2001, improntata al regionalismo, ha sensibilmente modificato il riparto delle competenze tra Stato e Regioni in materia di servizi di welfare, trasferendo alle Regioni molte responsabilità per l’attuazione dei diritti sociali. Ecco che cosa si prospetta

Ne hanno parlato

huffingtonpost | 20 OTT 2020
santalessandro.org | 17 OTT 2020

Partiti politici e corpi intermedi

di Giovanni Cominelli
ilsussidiario.net | 16 OTT 2020

Corpi intermedi, luoghi per l’io

di Giorgio Vittadini
ilsussidiario.net | 16 OTT 2020
teleborsa.it | 15 OTT 2020
italiannetwork.it | 15 OTT 2020
ilsussidiario.net | 10 OTT 2020
Clicca qui!