Economia > Sviluppo Sostenibile
SAGGIO | Contributi dalla Summer school 2013

Alle radici della crisi

Come andare oltre lo statalismo e la finanziarizzazione che hanno messo in ginocchio l’Italia? Come mettere in campo un nuovo slancio umano, che trovi nella sua esperienza presente le risorse per costruire il futuro?

"Di fronte a un mondo in cui il nichilismo coincide con la mercificazione integrale dell’esistente, ciò che è sacro nell’uomo sorge da un’eccedenza riconosciuta".
Uno strumento agile e prezioso per orientarsi nella crisi e andare oltre lo statalismo e la finanziarizzazione che hanno messo in ginocchio l’Italia e frustrato il desiderio di cambiamento e di costruzione della società.
Proprio partendo dalla difficoltà della situazione attuale, importanti personalità del mondo culturale e accademico hanno accettato la sfida lanciata dalla Fondazione CEUR e dalla Fondazione per la Sussidiarietà nel corso di una Summer school che ha coinvolto un gruppo qualificato di studenti universitari e di giovani ricercatori: confrontarsi con le ragioni profonde di una delle crisi più gravi che l’Italia e l’Occidente abbiano mai attraversato.
Tenendo presente la complessità dei fattori in gioco e cercando di offrire chiavi di lettura in grado di superare le apparenze e i luoghi comuni, gli interventi degli autori sono accomunati dalla stessa consapevolezza: tanto è impossibile un ritorno al passato quanto è urgente mettere in campo un nuovo slancio umano, creativo, religioso, una rigenerazione dell’io, che trovi nella sua esperienza presente le risorse per un compito storico: costruire il futuro. Ed è con la volontà di trovare soluzioni innovative che i contributi di questo volume si intrecciano in una prospettiva multidisciplinare – economica, sociologica, giuridica, politologica – capace di integrare i contributi delle singole discipline e di indicare così le strategie da cui ripartire per uno sviluppo più solido e giusto.

  • A cura di Giulio Sapelli, Giorgio Vittadini
  • Editore BUR Saggi
  • Anno 2013
  • Pagine 160
  • Prezzo 10.00 €
Acquista

Contenuti correlati

SAGGIO | Strumenti di “Accademia” per l’alta formazione degli insegnanti

L'interessante nelle discipline

2015 | A CURA DI Grazia Cotroni, Teresa De Carli, Fina Maria Giametta, Antonella Ricci, Ilaria Tresoldi

La trattazione interdisciplinare attraverso percorsi tematici in quattro aree: (Matematica, Scrittura, Storia, Dante). Dissertazione a partire dall’esperienza


SAGGIO | Strumenti di “Accademia” per l’alta formazione degli insegnanti

Quando brillano le idee...

2014 | A CURA DI di Cecilia Bellucci, Antonio Blotti, Francesca Fontanella

Esempi di didattica riferiti a Matematica, Scrittura, Storia, Dante. Esercizio della ragione che legge nessi, da senso ai particolari, scopre un ordine che prima non appariva


VIDEO | Strumenti di “Accademia” per l’alta formazione degli insegnanti

Conoscenza e compimento di sé

23 OTT 2014 | Giorgio Vittadini

Dibattito su scuola, ragione ed educazione a partire dal saggio sulla formazione interdisciplinare in Matematica, Scrittura, Storia, Dante


SAGGIO | Il ruolo dell’impresa nella società

Imprenditore: risorsa o problema?

2014 | A CURA DI GIORGIO FIORENTINI, GIULIO SAPELLI, GIORGIO VITTADINI

Raccogliendo le considerazioni di alcuni tra i principali imprenditori e manager del nostro Paese – da Oscar Farinetti a Pasquale Natuzzi, da Roberto Snaidero a Pietro Modiano – questo volume riflette sulle profonde trasformazioni che sta vivendo l’industria italiana e indica le possibili strategie per dare vita a una ripresa.


SAGGIO | Per una rinascita umana e culturale

Quale futuro per l'Europa?

2014 | A CURA DI GIULIO SAPELLI, GIORGIO VITTADINI

Che cosa sta accadendo nel Vecchio continente dopo la crisi recente? Quali cambiamenti ciò comporta per la governance delle istituzioni nazionali e transnazionali? Come restituire fiducia al tessuto economico e culturale?


Documenti Atlantide 27 . 2012 . 3

L’Europa dopo la crisi

NOV 2012 | Tony Blair

La crisi può essere foriera di opportunità. Dall’attuale crisi europea può scaturire l’opportunità di realizzare 77 finalmente un modello di integrazione europea sostenibile. Al momento, tuttavia, tale opportunità è pressoché irriconoscibile. Una vecchia battuta vuole che uno straniero chieda a un irlandese indicazioni sulla strada per arrivare a destinazione ottenendo come risposta: «Be’, io non sarei partito da qui».