Economia > Lavoro
RICERCA | Randstad e Fondazione per la Sussidiarietà

Università e imprese italiane
per lo sviluppo dei talenti

Condividi

Tre quarti dei laureati in Italia trovano lavoro entro un anno, ma le aziende oltre al diploma richiedono sempre più competenze digitali e “soft skill”. Molto ricercati, in particolare,  account manager, responsabili logistica e distribuzione ed esperti contabili.

È quanto emerge dalla ricerca “Università e Imprese per lo sviluppo dei talenti”, realizzata da Randstad e Fondazione per la Sussidiarietà (FpS), che è stata presentata al Meeting per l'amicizia fra i popoli di Rimini (agosto 2023).

 

La presentazione della ricerca

al Meeting di Rimini 2023

 

 

Lo studio analizza la domanda di lavoro di laureati negli annunci online del 2022, identificando 116 profili più richiesti, distribuiti in cinque macro-aree: Economia e Statistica,  Giuridica, Umanistica e Scienze Sociali  Architettura e Design, Scientifica, Informatica. Inoltre vengono analizzate le strategie di sviluppo dei talenti delle imprese italiane. 

I LAUREATI ITALIANI

Una laurea in Italia è un importante fattore di protezione dall’inoccupazione, correlato a una maggiore permanenza in stato di occupazione, maggiore livello salariale e un più rapido rientro al lavoro in caso di uscita.  A un anno dal conseguimento del titolo, il tasso di occupazione dei laureati è il 75% per il primo livello e il 77% per i magistrali biennali, per arrivare al 90% per entrambi dopo cinque anni (fonte Almalaurea).

Tuttavia, la quota di laureati tra i 25 e i 34 anni in Italia nel 2021 è il 21%, un livello tra i più bassi dei paesi Ocse

LE AZIENDE

Le aziende sono alla ricerca principalmente di laureati in discipline tecniche e scientifiche, ma prendono in considerazione anche le lauree umanistiche valorizzando gli aspetti motivazionali e il potenziale, e integrando le competenze tecniche con la formazione interna. Nel primo esame dei cv le imprese valutano soprattutto la carriera universitaria, ma poi si concentrano su soft skill e attitudini personali dei candidati. 

LE COMPETENZE

·      professionali: sono significative in tutti i macrogruppi, ma raggiungono il picco nel Marketing, dove sono richieste nel 50% dei casi, e il minimo nell’ICT (18%).  

·      digitali: sono pervasive in tutte le aree, con un picco del 61% di annunci in cui sono richieste per profili ICT e 53% per quelli di statistica. Ma le competenze digitali sono significative anche nelle scienze umane, come l’area psicologica, giuridica (15%) e del marketing (19%).

·      soft skills: le skill trasversali sono importanti per tutte le aree, e ancor di più nelle aree disciplinari votate al rapporto umano e all’interazione, come per quella dell’Educazione e formazione, Psicologia e Giuridica (53%). Le competenze trasversali considerate cruciali sono saper lavorare in gruppo, sviluppare idee creative, adattarsi al cambiamento, comunicare con i clienti, autonomia, identificarsi con gli obiettivi aziendali.

 

Viaggio nelle character skills.

Persone relazioni e valori

 

LA SELEZIONE DELLE AZIENDE

Dall’indagine qualitativa su un panel di direttori del personale, emerge che la carriera accademica (corso di laurea, Università, voto di laurea, durata degli studi) è fondamentale per superare la fase di screening, ma nelle fasi di selezione l’attenzione degli HR si concentra sul potenziale: soft skill e attitudini dei giovani laureati

Ricerca di Randstad e Fondazione per la Sussidiarietà

South working per lo sviluppo
responsabile e sostenibile del Paese

 

DISTRIBUZIONE TERRITORIALE

Le posizioni di lavoro offerte nel 2022 ai laureati per i 116 profili più richiesti sono concentrate al Nord (70%). In testa tra le regioni c’è la Lombardia, con il 30% degli annunci, seguita dall’Emilia Romagna (13%), dal Veneto (13%) e dal Lazio (11%). La Campania, dove c’è uno dei più elevati tassi di disoccupazione giovanile, raccoglie solo il 5% degli annunci.

SCARICA LA RICERCA

SCARICA IL QUADRO DI SINTESI

SCARICA LA POSTFAZIONE DI GIORGIO VITTADINI

Contenuti correlati

VIDEO I La ricerca Randstad-Fondazione per la Sussidiarietà presentata a Rimini

Dall’università all’azienda:
come valorizzare i talenti

24 AGO 2023

I disallineamenti da sanare tra professionalità formate e competenze richieste. La necessità del dialogo e della co-progettazione di alcuni corsi tra corpo accademico e manager


Nuova Atlantide N.6 - Agosto 2022 | CONOSCENZA E UNIVERSITA'. AAA cercasi nuova classe dirigente

Editoriale. Discernere, desiderare, creare

AGO 2022 | Mauro Magatti

Una delle urgenze del nostro tempo riguarda lo squilibrio tra il livello tecnologico della supersocietà, la sua complessità e la formazione delle persone. Appoggiarsi agli schemi del passato non serve più.


Nuova Atlantide N. 3 - Agosto 2021

Lavoro: centro di dignità permanente

AGO 2021

Lo shock del Covid su economia e lavoro ha accelerato fenomeni già In atto. “Tornare a prima” non è la soluzione. La strada è riconciliare innovazione tecnologica e lavoro umano, non ridotto a merce.

Clicca qui!