Istituzioni > Politica e Istituzioni
Elezioni 2022: appello dal mondo culturale e associativo

La società civile scende in campo
e incalza i partiti e i candidati

  • 8 SET 2022

Condividi

“Ripartire dalla sussidiarietà, riconnettersi con le realtà che costruiscono comunità. Per fare politica in modo fertile e generativo”. Vittadini: “Il Terzo Settore crea benessere senza pesare sulla spesa pubblica”

Il presidente della Fondazione per la Sussidiarietà, Giorgio Vittadini, ha partecipato alla presentazione ufficiale, il 6 settembre a Roma, dell’appello “Elezioni 2022: l’agenda della società civile per il bene comune”, di cui è tra i primi firmatari. L’appello, promosso da Leonardo Becchetti, coordinatore dell’Alleanza della Società Civile, è indirizzato ai candidati nelle elezioni politiche del 25 settembre e è ispirato a una visione sussidiaria del rapporto tra società e politica.
Il documento propone la sussidiarietà come strada per rilanciare la buona politica: “Riconnettersi con le energie della società civile perché è questo il modo più fertile e generativo di fare politica”.

COSTRUTTORI NON LEONI DA TASTIERA

“Affinché i cittadini non siano solo rancorosi leoni da tastiera – si legge nel testo del documento - ma si sentano protagonisti e costruttori delle comunità e del progresso civile dei territori la nuova classe politica eletta deve promuovere con convinzione e forza tutti quei processi di cittadinanza attiva e di mutualismo che oggi rendono vivo e vitale il paese”.
Il documento elenca anche quali sono concretamente questi processi da sostenere e valorizzare: “Dalla co-programmazione e coprogettazione tra amministrazioni pubbliche società civile e reti del terzo settore, promossa come approccio più generativo dalla Corte Costituzionale in una recente sentenza, che costruisce welfare e servizi di cura del futuro, allo sviluppo delle comunità energetiche ai percorsi di consumo e risparmio responsabile. Tutto ciò insomma che ci trasforma da vittime sacrificali di eventi che si giocano sopra le nostre teste a coprotagonisti e costruttori consapevoli del nostro futuro”.

BENESSERE SENZA PESARE SULLA SPESA PUBBLICA

Nel suo intervento, Giorgio Vittadini ha sostenuto che “la società civile, attraverso le sue articolazioni e forme associative crea benessere. Gli esempi sono innumerevoli, del resto il contributo del Terzo Settore e del Non Profit si è dimostrato una volta di più fondamentale con la pandemia. Ma il suo ruolo è insostituibile anche in condizioni non emergenziali”. Il Rapporto annuale 2021-2022 della Fondazione, “Sussidiarietà e... sviluppo sociale” ha confermato che la partecipazione ad attività collettive favorisce la dimensione relazionale delle persone e indice positivamente sull’accesso al lavoro e sul benessere sociale. “Ecco - ha detto ancora Vittadini - occorre far capire alla politica «la società civile crea benessere senza pesare sulla spesa pubblica».

NON UN PARTITO MA UNO SPARTITO

Un’alleanza «trasversale, aperta e inclusiva» capace di ridurre la distanza tra società civile e mondo politico”, ecco quello che chiedono le decine di associazioni (Asvis, Csv.net, Fondazione per la Sussidiarietà, ActionAid, Next Nuova economia, Aiccon, per citare solo alcune delle numerosissime organizzazioni che hanno sottoscritto l’appello), reti, enti del terzo settore, cittadini attivi. “Non un partito, ma uno spartito – ha sintetizzato il demografo Alessandro Rosina - da consegnare agli uomini e alle donne che il prossimo 25 settembre saranno eletti in Parlamento”.
“Vogliamo dar vita ad un nuovo luogo, un contenitore per dire che la democrazia ha bisogno della cittadinanza attiva”, gli ha fatto eco l’economista Leonardo Becchetti.
Al convegno, svoltosi al Palazzo della Cooperazione e moderato da Riccardo Bonacina, sono intervenuti tra gli altri il sociologo Mauro Magatti, la presidente di ActionAid Italia Mariangela Cassano, Carla Collicelli dell’Asvis, la portavoce del Forum del Terzo Settore Vanessa Pallucchi, Paolo Venturi di Aiccon.

SCARICA IL DOCUMENTO

Per firmare l'appello

Contenuti correlati

Vittadini su “Repubblica” interviene nel dibattito sul futuro della sinistra.

Pensare a chi sta peggio è questo il compito della nuova sinistra

15 DIC 2022 | Giorgio Vittadini

Nel dibattito sulla rinascita dei progressisti interviene il presidente della Fondazione per la Sussidiarietà


VIDEO | La presentazione del n. 2 di “Nuova Atlantide”

Una cura ricostituente per la democrazia acciaccata da ‘68, tangentopoli e antipolitica

30 GIU 2021 | Emma Bonino, Paolo Del Debbio, Ugo Finetti, Anna Finocchiaro, Stelio Mangiameli, Giorgio Vittadini

Persone mosse da ideali. Corpi intermedi orientati al bene comune. Partiti come vere comunità politiche. Cittadino al centro delle istituzioni e dei processi elettorali. Queste le indicazioni emerse dal dialogo con Bonino, Finocchiaro, Finetti e Mangiameli


SAGGIO | Come cambia la partecipazione degli italiani alla vita pubblica

Una società di persone? I corpi intermedi nella democrazia di oggi e di domani

2021 | A cura di Franco Bassanini, Tiziano Treu e Giorgio Vittadini

La ricerca, alla quale hanno lavorato alcuni dei più autorevoli esperti italiani, propone una mappatura inedita delle varie aggregazioni sociali per capirne l’identità, il ruolo, le ragioni della crisi e le prospettive di ripresa


Nuova Atlantide N.2 - Maggio 2021

Democrazia: l'amica fragile

MAG 2021

Le ragioni della crisi, le radici del risveglio. Alla democrazia è dedicato il secondo numero di Nuova Atlantide, online nella sua veste completamente rinnovata. Contributi tra gli altri di: Azurmendi, Bonino, Rampini, Sandel, D'Atena e Occhetta


Da dove ricominciare?

Scuola di formazione politica "Conoscere per decidere"

3 NOV 2020 | Fondazione per la Sussidiarietà

Occorre rimettere al centro la società civile e i corpi intermedi, secondo il principio di sussidiarietà.

Clicca qui!