Economia > Sviluppo Sostenibile
VIDEO | Dopo il Covid: #Quelli che ripartono. Talk al Meeting di Rimini

Come sta la Terra?

  • 20 AGO 2020
  • Mario Abbadessa
  • Andrea Baccarelli
  • Andrea Bellavia
  • Raffaele Cattaneo
  • Enrico Giovannini
  • Carlin Petrini
  • Ermete Realacci
  • Filippo Santoro
  • Carlo Tamburi
  • Giorgio Vittadini
  • Yasmin Von Schirnding

Condividi

L’ambiente fra inquinamento, desertificazione e riscaldamento globale. I grandi fenomeni epocali fra migrazioni, malattie, povertà. I 17 obiettivi dell’Onu e le indicazioni dell’enciclica Laudato sì’.

 

Talk Show Live a cura di Fondazione per la Sussidiarietà in collaborazione con Asvis, CDP - Cassa Depositi e Prestiti e Fondazione Symbola
In Studio Giorgio Vittadini

Intervengono

Mario Abbadessa, Amministratore Delegato Hines Italy
Andrea Baccarelli, Capo Dipartimento di Environmental Health Sciences, Columbia University
Andrea Bellavia, Ricercatore di Statistica Ambientale, Harvard University
Raffaele Cattaneo, Assessore all’Ambiente e Clima della regione Lombardia
Enrico Giovannini, Portavoce ASviS
Carlin Petrini, Fondatore di Slow Food
Ermete Realacci, Presidente Fondazione Symbola
Filippo Santoro, Arcivescovo di Taranto
Carlo Tamburi, Direttore Italia Enel
Yasmin Von Schirnding, Professoressa di Environmental Health Sciences, Columbia University

Conducono:

Massimo Bernardini 
Enrico Castelli

Approfondimento Carlin Petrini
 

Approfondimento Santoro
 

 

 

 

Approfondimento  Von Schirnding

 

Contenuti correlati

VIDEO | Dopo il Covid: #Quelli che ripartono. Talk al Meeting di Rimini

L’io in azione: lavoro, impresa, solidarietà

23 AGO 2020 | ARLETTI, BERTINOTTI, DI PIAZZA, FOLADOR, GIOVANNINI, LANDINI, PRINA, SCIACCA, TOSELLI

I temi: la rivoluzione del lavoro tra smartworking, tecnologia e obiettivo di piena occupazione - un’idea diversa di impresa fra innovazione e responsabilità sociale - le imprese alle prese con le esigenze ambientali


VIDEO | Talk Show Live

DOPO IL COVID #QUELLICHERIPARTONO. Sostenibilità e sussidiarietà

22 AGO 2020 | BASSANINI, BRUGNOLI, GIACCARDI, GIOVANNINI, MAGATTI, MONETTI, PAGNONCELLI, RIBERA D'ALCALA', ZAMAGNI

I temi: la persona razionale e relazionale come centro dello sviluppo - comunità e corpi intermedi come soggetto sociale creativo e garanzia di democrazia in una fase di crisi di fiducia - oltre l’eterna contrapposizione tra pubblico e privato: responsabilità e libertà - un nuovo ruolo dello Stato.


VIDEO | Dopo il Covid #quelli che ripartono. Talk al Meeting di Rimini

L’io in azione: conoscenza e creatività

21 AGO 2020 | TOMMASO AGASISTI, ENRICO GIOVANNINI, GIOVANNA IANNANTUONI, ADELE MUCCI, SALVATORE ROSSI, ANDREAS SCHLEICHER, ANTONELLA SCIARRONE ALIBRANDI, FRANCESCO SEGHEZZI

L’impatto della povertà educativa sulla disuguaglianza sociale e sull’occupazione. Consapevolezza ed educazione come risposta alla crisi. L’importanza del capitale umano e delle soft skills.


VIDEO | Dopo il Covid: #Quelli che ripartono. Talk al Meeting di Rimini

Ripartire o rifare?

19 AGO 2020 | BARRESE, CAMPIGLIO,GIOVANNINI, MAINO, MINGARDI, REICHLIN

Un modello di sviluppo in crisi da tempo. Il rapporto tra finanza, economia reale, ruolo dello Stato. L’allarme per nuove e vecchie emergenze sociali: povertà e disuguaglianza. Panoramica sui modelli di welfare e su come stanno cambiando.


VIDEO | Dopo il Covid: #Quelli che ripartono. Talk al Meeting di Rimini

Pandemia 2020: da dove si ricomincia?

18 AGO 2020 | ENRICO GIOVANNINI, MARIANA MAZZUCCATO, ERMETE REALACCI, CHIARA SARACENO, ELISABETTA SOGLIO, NADIA URBINATI, LUCIANO VIOLANTE

La pandemia ha svelato come avevamo lasciato il mondo prima che essa scoppiasse. Ha messo a nudo che il nostro modello di sviluppo non reggeva e andava riformato. E ora che cosa serve per ripartire?


ARTICOLO | Tema di "Atlantide" n. 44 (2018)

Ambiente ed economia: interconnessioni

NOV 2018 | Ermete Realacci

“Un’alleanza tra lavoro e genio creativo per un nuovo ordine economico”: l’importante intervista di papa Francesco a Il Sole 24 Ore del settembre 2018 ha avvicinato l’enciclica Laudato si’ alle problematiche dell’Italia.


ARTICOLO | Primo piano di “Atlantide” n. 38 (2016)

Identità, incontro e accompagnamento: alla radice di una vera partecipazione

NOV 2016 | Ilaria Schnyder von Wartensee

Da diversi decenni le organizzazioni internazionali e le istituzioni non governative (NGO) hanno adottato teorie e politiche per favorire uno sviluppo dal basso permettendo in questo modo la partecipazione di comunità e gruppi locali nel processo di sviluppo. Concetti quali community-driven, community engagement o empowerment sono diventati popolari.


ARTICOLO | Tema di "Atlantide" n. 12 (2007)

La via per uno sviluppo sostenibile

DIC 2007 | Stravos Dimas

Le attività dell’uomo stanno cambiando il mondo a un ritmo crescente. Fattori come il riscaldamento globale, il crescente fabbisogno di energia e di risorse, la congestione dei centri urbani, i modelli demografici che cambiano, l’estinzione delle specie stanno esercitando pressioni intollerabili sugli ecosistemi.


ARTICOLO | Forum di "Atlantide" n. 12 (2007)

Il 2015, data cruciale

NOV 2007 | Amartya Sen

Professor Sen, il 2015 è una scadenza di importanza cruciale per il mondo intero. Per quanto riguarda gli Obiettivi di sviluppo del millennio, come sradicare la povertà estrema e combattere la fame, quanta strada è stata fatta finora verso il raggiungimento di questi obiettivi?


ARTICOLO | Tema di "Atlantide" n. 12 (2007)

Sfamare il pianeta in un’era di cambiamenti climatici

NOV 2007 | Per Pinstrup Andersen

La fame in un mondo ricco di cibo Ogni 15 minuti, circa 180 bambini in età prescolastica muoiono per fame e carenze nutrizionali. Dodici al minuto, più di sei milioni all’anno. Ma questa è solo la punta dell’iceberg. Un bambino su quattro, in età prescolastica, nei Paesi in via di sviluppo soffre per fame e deficienze nutrizionali.


ARTICOLO | Tema di "Atlantide" n. 12 (2007)

Un decennio fondamentale per il clima

NOV 2007 | Yvo de Boer

Considerando l’anno trascorso, ho l’impressione che vi sia oggi un generale riconoscimento della necessità di arrivare a un approccio più completo nelle politiche internazionali sui cambiamenti climatici per il post-2012, scadenza fissata per gli accordi di Kyoto.

Clicca qui!