Glocal > Glocal
RICERCA | Il lato virtuoso dell'immigrazione straniera

L'immigrato una risorsa a Milano

L’immigrazione straniera a Milano non è certamente solo quella che affiora, generalmente con connotazione negativa, dai fatti di cronaca. L’universo degli stranieri è popolato da migliaia di «persone» che inseguono faticosamente il progetto di una vita migliore, e che per questo ripropongono alla società ospite quegli esempi di «senso di responsabilità» e «disponibilità al sacrificio» che il diffuso benessere aveva progressivamente ridimensionato.
Nella realtà milanese gli immigrati rappresentano ormai a pieno titolo una popolazione che, passo dopo passo, si integra nel tessuto cittadino, sviluppa una vita di relazione, avvia nuove iniziative e, in un numero crescente di casi, dimostra la capacità di emergere. In una città come Milano che tradizionalmente ha saputo accogliere e valorizzare il capitale umano che nel tempo ha bussato alle sue porte, essere immigrati significa anche avere l’opportunità di «partecipare» alla costruzione del bene comune. Il volto di un’immigrazione «non solo problematica » bensì sempre più «costruttiva» nel disegnare i nuovi scenari di sviluppo nasce dunque da una visione oggettiva della realtà e dalla doverosa attenzione anche alla parte di «iceberg» che non emerge ai fasti della cronaca, ma che vive e interagisce quotidianamente con una città capace di premiare chi le si affida con fiducia.
Questi i contenuti della ricerca che viene qui presentata, commissionata dalla Compagnia delle Opere di Milano e realizzata a cura di Gian Carlo Blangiardo in collaborazione con la Fondazione per la Sussidiarietà.

 

  • A cura di Gian Carlo Blangiardo
  • Editore Guerini e Associati
  • Anno 2011
  • Pagine 175
  • Prezzo 14.00 €
Acquista

Contenuti correlati

RICERCA | Indagine su economia e società a Milano

La città che sa cambiare

2012 | LUIGI VERGALLO

Accanto al rinnovamento produttivo, continua a Milano ad agire un ricco tessuto di welfare cittadino, fatto di tante iniziative dedite alla solidarietà e alla sussidiarietà; non opere puramente assistenziali, ma che affrontano i nuovi bisogni di casa, lavoro, reddito, studio, salute, con strumenti innovativi e che disegnano nuovi mercati.


RICERCA | Uno studio sul disagio sociale e forme sussidiarie di impresa

Il lavoro ed i suoi redditi

2011 | A CURA DI DARIO CAVENAGO, MARIO MEZZANZANICA

Forme sussidiarie di impresa sociale possono costituire un punto di riferimento nelle azioni politiche di supporto al lavoro e alle famiglie, colpite dalle conseguenze della crisi economica esplosa nel 2008?