Fondazione > Ufficio Stampa
COMUNICATO | Rapporto sulla sussidiarietà 2021, i primi dati

In Italia è boom di offerte di lavoro on-line

  • 26 GIU 2021

Condividi

Nel primo trimestre sono state il 40 per cento in più del 2020 e il 20 per cento in più del 2019. Vittadini: “Una conferma che siamo in ripresa”

Boom nel primo trimestre del 2021 per le offerte di lavoro online in Italia, con una crescita del 40% rispetto allo stesso periodo del 2020 e del 20% sul 2019. È quanto emerge dal rapporto 2021 della Fondazione per la Sussidiarietà, in collaborazione con CRISP - Centro di Ricerca - Università di Milano Bicocca, sul lavoro sostenibile.

Da gennaio a marzo 2021 sono stati 156.064 gli annunci pubblicati, censiti nel Rapporto, estratti da un panel di oltre una ventina di portali, che aggregano offerte di lavoro in modo continuativo. È stato così toccato il record storico trimestrale. Dall'inizio del 2015 al marzo 2021 gli annunci su Internet sono stati circa 2 milioni 650.000 (fonte dei dati: Wollybi - Burning Glass Europe srl, elaborazione Crisp).

“Gli annunci online sono diventati il canale principale per le offerte di lavoro e confermano la ripresa del Paese”, osserva Giorgio Vittadini, presidente della Fondazione per la Sussidiarietà, "Ci attendiamo un deciso impulso dalla graduale riapertura delle attività e dall'avvio del piano nazionale di ripresa e resilienza".

Con 409.602 annunci, il 2020 ha registrato un calo del 5% rispetto al 2019. La pandemia ha causato una forte contrazione nei primi 4 mesi, che hanno registrato un crollo del 22% (129.400 contro i 165.000 dello stesso periodo dell'anno prima).

Nei successivi otto mesi (maggio - dicembre), invece, c'è stato un rimbalzo del 5% (276.000 offerte contro 262.000 dell'analogo periodo del 2019).

La ricerca della Fondazione per la Sussidiarietà e del Crisp conferma il divario geografico nella vitalità del mercato del lavoro. Nel 2020 quasi tre quarti delle posizioni ricercate su Internet riguardano lavori al nord (74%), il 15% nel centro e solo l'11% nel sud e isole.

Fra i settori la parte del leone la fa il manifatturiero che ha originato un terzo degli annunci (32,7%), seguito da attività professionali, amministrative, tecniche e servizi di supporto (24,7%) e dal commercio (11,9%).

Fra le varie figure professionali, il calo maggiore ha riguardato i manager, i cui annunci sono scesi del 31% rispetto al 2019 (circa 16.000 contro 23.000).

Sono invece cresciute del 13% le ricerche di addetti ai servizi (121.600 contro 107.000) e dell'8% le figure impegnate nella produzione di beni (75.000 rispetto a 69.000).

Ufficio Stampa Fondazione per la Sussidiarietà

Attilio De Pascalis

Tel. 3357630184

attiliodepascalis@yahoo.it

 

SCARICA IL COMUNICATO STAMPA COMPLETO

Contenuti correlati

VIDEO | Rapporto sulla sussidiarietà 2020/2021

Sussidiarietà e... lavoro sostenibile:
presentato il Rapporto annuale

15 LUG 2021 | Anna Ascani, Gian Carlo Blangiardo, Francesco Baroni, Alberto Brugnoli, Giovanni Fosti, Mario Mezzanzanica, Luigi Sbarra, Tiziano Treu, Alessandro Verrazzani, Giorgio Vittadini

Transizione ecologica e digitale rivoluzionano il mercato del lavoro. Quali sono i profili richiesti, le nuove professioni, i percorsi da intraprendere più appropriati?

Clicca qui!