Istituzioni > Politica e Istituzioni
VIDEO | Scuola di formazione politica

Popolo e democrazia

Evento di lancio della Scuola di formazione politica

La democrazia rappresentativa nelle società occidentali si sta trasformando in una sorta di palestra di conflittualità permanente tra posizioni troppo spesso schematiche e basate su argomenti approssimativi.

Intanto, la crisi economica e istituzionale in corso continua a far sentire i suoi effetti sulle fasce più deboli della popolazione e chi dovrebbe ripensare le regole per garantire una prospettiva di sviluppo più certa sembra brancolare nel buio.

La perdita di credibilità della politica ha però un prezzo che sta diventando insostenibile per la collettività.

Da dove ricominciare?

Rimettendo al centro la società civile e i corpi intermedi, secondo il principio di sussidiarietà. Solo da aggregazioni di persone che condividono problemi, riflettono, si informano possono rinascere e crescere passione e sensibilità politica.

Da queste premesse, e da un’idea condivisa con l’Associazione Italiadecide, nasce “Conoscere per decidere. Scuola di formazione politica” con l’obiettivo di offrire contenuti, criteri e ambiti di discussione utili a riformare e rivitalizzare la vita democratica.

I corsi sono rivolti a tutti coloro che sono impegnati a diverso titolo nella vita sociale e politica del Paese o sono interessati a farlo.

Contenuti correlati

Tema Atlantide 10 . 2007 . 2

Senza comunità, non c’è democrazia

GIU 2007 | Charles Taylor

La dinamica dell’esclusione e la nuova immigrazione. Anche in una democrazia si può parlare di dinamica dell’esclusione, una tentazione che sorge dall’esigenza di un livello più elevato di mutua comprensione, fede e impegno, che spinge a delimitare il confine della comunità originale, rendendo più difficoltosa l’integrazione degli outsider.


Tema Atlantide 10 . 2007 . 2

Multiculturalismo e democrazia

GIU 2007 | Giorgio Israel

Democrazia e comunitarismo. Nathan Sharansky ha osservato che democrazia significa poter stare al centro di una piazza di una città ed esprimere apertamente il proprio pensiero senza il timore di essere imprigionato1.

Ne hanno parlato

Corriere della Sera | 30 GEN 2020