• Sicilia: periferia e risorsa dell’Europa
  • Dialoghi sul welfare
  • Dialogo intorno al volume Esperienza elementare e diritto
  • E l'esistenza diventa una immensa certezza
  • Realismo, ideologia e scetticismo nella scuola e nell'educazione
  • Verso un (quasi) mercato dell'istruzione?
  • Il lavoro: l'esperienza dell'io in azione
  • La consegna tradita. Riflessioni sul senso della storia
  • La rivincita della responsabilità. A proposito della nuova Legge sul federalismo fiscale
  • Coscienza religiosa e cultura moderna: percorsi della ragione e dell'istruzione
  • Una scuola che insegna a ragionare: il metodo dell'esperienza
  • Questioni di biopolitica
  • Persona e Stato
  • Il rischio di educare nella scuola
  • Famiglia e DiCo: una mutazione antropologica?

Quaderni



Quaderni

La riforma costituzionale del governo Renzi: spunti e approfondimenti
Relazione introduttiva di Luciano Violante

 

 

Anno: 2016

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dopo la sua approvazione in Parlamento il 12 aprile 2016, la riforma costituzionale proposta dal governo Renzi è stata sottoposta all’opinione degli elettori con un referendum annunciato per l’autunno.
La riforma, contenete “disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione” ha monopolizzato per mesi il dibattito pubblico italiano che, soprattutto all’inizio, sembrava non aiutare i cittadini a farsi un’opinione informata sulla nuova legge.
Con lo scopo di approfondire i contenuti della riforma, il 6 giugno 2016 la Fondazione per la Sussidiarietà ha organizzato a Milano un seminario a cui ha invitato studiosi e rappresentati del mondo politico di diversi orientamenti. Questo Quaderno riporta i contenuti del seminario.
Gli interventi sono citati nell’ordine in cui sono stati pronunciati e sono stati gentilmente rivisti dagli autori.


Allegati:
QS16.pdf