Alla radice dello sviluppo: l'importanza del fattore umano, di Berloffa, Folloni, Schnyder

Gabriella Berloffa, Giuseppe Folloni, Ilaria Schnyder von Wartensee
Alla radice dello sviluppo: l'importanza del fattore umano

Guerini e Associati 2010
(pagine 344, prezzo 15 euro)

 

Che cosa garantisce efficacia e stabilità ad attività e politiche di cooperazione allo sviluppo?
Dopo aver analizzato i vari criteri a cui si sono ispirate le principali attività di cooperazione nel mondo, gli autori cercano di rispondere alla domanda su come “accade” lo sviluppo presentando due case study: l’Associação dos Trabalhadores Sem Terra (ATST), fondata nel 1989 a San Paolo da Cleuza Ramos e Marcos Zerbini; e un intervento di slum upgrading nell’area di Ribeira Azul nello Stato di Bahia in Brasile.
Coesione sociale, interventi di accompagnamento, percorsi educativi, partnership partecipativa, sono alcuni degli elementi emersi. Dietro a tutto: la centralità della persona e la sua assunzione di un ruolo da protagonista del cambiamento.

 

Gli autori afferiscono al Dipartimento Sviluppo e Cooperazione Internazionale della Fondazione per la Sussidiarietà, che opera in stretta collaborazione con AVSI.
Gabriella Berloffa e Giuseppe Folloni sono professori di economia all'Università di Trento, Ilaria Schnyder è ricercatrice presso il Dipartimento della Fondazione.

 

Il volume è stato presentato a Roma il 6 dicembre alla Farnesina, con la partecipazione del Ministro degli Affari Esteri Franco Frattini, il Segretario Generale AVSI Alberto Piatti, gli autori del volume Ilaria Schnyder  von Wartensee e Giuseppe Folloni.
L'incontro è stato moderato dal giornalista Roberto Fontolan.
 

Scarica l'invito

Leggi in anteprima la prefazione di Giorgio Vittadini

 

Leggi la rassegna stampa:
Tracce.it 13/12/2010, Lo sviluppo? E' scientifico, di Paola Ronconi
Sito web del Ministero degli Affari Esteri 7/12/2010, Cooperazione: Frattini, centralità alle persone, non alle procedure
ilsussidiario.net 7/12/2010, Il fatto/Dal Brasile il modello che sfata i vecchi miti dello sviluppo internazionale
Avvenire 5/12/2010, Dall'Italia al Brasile ponti per lo sviluppo, di Paolo Ferrario