• Argomentare per un rapporto ragionevole con la realtà. Strumenti per una Scuola di argomentazione
  • L'interessante nelle discipline
  • Quando brillano le idee...
  • Imprenditore: risorsa o problema?
  • Quale futuro per l'Europa?
  • Conoscenza e compimento di sé
  • Dall'uniformità alla differenziazione
  • Alle radici della crisi
  • La sfida del cambiamento. Superare la crisi senza sacrificare nessuno
  • Il cuore di Milano. identità e storia di una
  • Conoscenza e significato. Per una didattica responsabile
  • La sussidiarietà in Lombardia. I soggetti, le esperienze, le policy
  • Un “io” per lo sviluppo
I Saggi

I Saggi

Liberi di scegliere

Dal welfare state alla welfare society

 

a cura di Giorgio Vittadini
edizione Etas

 


Pagine: 424
Anno: 2002
Prezzo: 25,00 €

 

 

 

Un’adeguata risposta al bisogno nei servizi di pubblica utilità non è programmabile solo da una autorità pubblica, non nasce da logiche di guadagno, non è esito di qualunque programma privato o pubblico. Non può essere lo Stato a rispondere ai bisogni della società, imponendole e funzionalizzando a se stesso e alla sua sopravvivenza la sua idea di pubblico; sono invece i cittadini che devono poter capire, scegliere e costruire quanto corrisponde a un’effettiva pubblica utilità. Per questo serve un cambiamento di tendenza nel sistema di welfare secondo tre principi: la compresenza di agenti statali, privati a fini di lucro, privati non a fine di lucro, in un “quasi mercato” di servizi “meritori”; la libera scelta del cittadino del tipo di agente che eroghi il servizio di welfare; un sistema di sussidiarietà fiscale che permetta di ridistribuire la tassazione in modi diversi rispetto a una spesa pubblica gestita totalmente da Stato o Enti locali. "Liberi di scegliere" è l’esito dell'apporto di diversi esperti in materia, ciascuno secondo le sue competenze.