• Argomentare per un rapporto ragionevole con la realtà. Strumenti per una Scuola di argomentazione
  • L'interessante nelle discipline
  • Quando brillano le idee...
  • Imprenditore: risorsa o problema?
  • Quale futuro per l'Europa?
  • Dall'uniformità alla differenziazione
  • Alle radici della crisi
  • La sfida del cambiamento. Superare la crisi senza sacrificare nessuno
  • Il cuore di Milano. identità e storia di una
  • Conoscenza e significato. Per una didattica responsabile
  • La sussidiarietà in Lombardia. I soggetti, le esperienze, le policy
  • Un “io” per lo sviluppo
  • Liberi di scegliere. Dal welfare state alla welfare society
I Saggi

Conoscenza e compimento di sé

Formazione interdisciplinare in Matematica, Scrittura, Storia, Dante

 

a cura di Eddo Rigotti e Carlo Wolfsgruber

 

Pagine: 386

Anno: 2014

Prezzo: €  18.00

 

 

 

 

 

  

E' disponibile "Conoscenza e compimento di sé. Formazione interdisciplinare in Matematica, Scrittura, Storia, Dante" a cura di Eddo Rigotti e Carlo Wolfsgruber, edito da Fondazione per la Sussidiarietà.
L’opera, prima di una serie, propone i risultati di studi ed esperienze didattiche sviluppate entro Accademia, progetto di alta formazione interdisciplinare per docenti liceali, promossa da Fondazione per la Sussidiarietà in collaborazione con Associazione Il Rischio Educativo.

 

L’ideale a cui si ispira Accademia, è quello di “una scuola dove sia anzitutto interpellata l’autocoscienza dei giovani, proprio a partire dalla loro ragione, in quanto irriducibile energia di immedesimazione con la realtà e altrettanto tenace esigenza di nessi e di significato.
Accademia vuole dunque suggerire un particolare ‘esercizio’dell’interdisciplinarità
e lo fa anche sottolineando, soprattutto attraverso il metodo adottato, la natura comunitaria dell’insegnare (e dell’apprendere).

La sfida culturale ed educativa messa in atto comporta per ogni docente un lavoro di riflessione e di studio personali, ma anche di confronto, di dialogo e di condivisione: lo scopo è quello di riappropriarsi, personalmente e insieme, della propria disciplina facendone scaturire quel suo specifico potenziale educativo, quel suo contributo all’apertura della ragione alla realtà, tutta, che dà dignità all’insegnamento e attiva l’interesse critico degli studenti in classe.

La condivisione di questo lavoro con i colleghi evita l’assolutizzazione della propria disciplina e un fastidioso clima di concorrenza che rischia di contrapporre materie e docenti.” (dalla Prefazione dei curatori)

 

 

Leggi l’intervista rilasciata a ilsussidiario.net da Carlo Wolfsgruber, rettore della Fondazione Vasilij Grossman di Milano e direttore di Accademia