• Argomentare per un rapporto ragionevole con la realtà. Strumenti per una Scuola di argomentazione
  • L'interessante nelle discipline
  • Quando brillano le idee...
  • Imprenditore: risorsa o problema?
  • Quale futuro per l'Europa?
  • Conoscenza e compimento di sé
  • Dall'uniformità alla differenziazione
  • Alle radici della crisi
  • La sfida del cambiamento. Superare la crisi senza sacrificare nessuno
  • Conoscenza e significato. Per una didattica responsabile
  • La sussidiarietà in Lombardia. I soggetti, le esperienze, le policy
  • Un “io” per lo sviluppo
  • Liberi di scegliere. Dal welfare state alla welfare society
I Saggi

Il cuore di Milano

Identità e storia di una "capitale morale"

 

a cura di Danilo Zardin

prefazione di Lorenzo Ornaghi

Edizioni Bur Saggi

 

Pagine: 272

Anno: 2012

Prezzo: 12,00 €

 

 


 

Una guida agile, precisa e sicura per comprendere la fisionomia e lo spirito di una città divenuta grande nel segno dell’accoglienza. - Lorenzo Ornaghi

 

 

Milano raccontata al centro della propria storia e del proprio sviluppo, dalle fondamenta antiche alla città di sant’Ambrogio, dalla capitale del ducato dei Visconti e degli Sforza fino alla stagione dell’Unità, della grande borghesia e del decollo economico. Un evocativo percorso lungo i secoli del capoluogo lombardo, attraverso i segni che il tempo ha depositato nel suo tessuto urbano. Il Castello Sforzesco, il Duomo, la Ca’ Granda, il Teatro alla Scala, le università, le case editrici, le banche: i simboli delle diverse vocazioni di una metropoli che ha fatto della contaminazione positiva e dell’assimilazione i tratti distintivi della propria identità.
Alcuni fra i più qualificati esperti di storia milanese ci guidano - su iniziativa della Fondazione per la Sussidiarietà -  in un viaggio lungo le stagioni di una città dalla grande anima, alla scoperta di un patrimonio di idee sostenuto da una «acuta responsabilità civile e da una tenace e operosa fede religiosa», in dialogo tra loro: un codice genetico che ha permesso a Milano di ricoprire per molti anni il ruolo di guida del nostro Paese, un patrimonio umano a cui attingere per ritrovare un autentico senso di appartenenza e di cittadinanza.