• Un mestiere per vivere. Il metodo di ASLAM
  • Far crescere la persona. La scuola di fronte al mondo che cambia
  • S.O.S. Educazione. Statale, paritaria: per una scuola migliore
  • L'università possibile. Note a margine della riforma
  • Esperienza elementare e diritto
  • Il liceo del lavoro
  • Lo sviluppo ha un volto. Riflessioni su un'esperienza
  • All'origine della diversità. Le sfide del multiculturalismo
  • Nelle mani dell'artigiano. Una realtà si racconta
  • Che cos'è la sussidiarietà. Un altro nome della libertà
  • Eppur si muove. Innovazione e piccola impresa
  • Sussidiarietà fiscale. La frontiera della democrazia
  • A qualunque costo? Lavoro e pensioni tra incertezza e sicurezza
  • Capitale umano. La ricchezza dell'Europa
Punto di fuga

Banche e finanza

La transizione incompiuta

 

di Graziano Tarantini
edizione Guerini e Associati

 

Pagine: 176
Anno: 2004
Prezzo: 12,00 €

 

 

 

 

L'investimento A partire dagli anni Novanta, il sistema bancario italiano è stato interessato da un profondo processo di trasformazione. In un sistema sino ad allora rigidamente bancocentrico è andato via via formandosi, come in tutti i maggiori Paesi industrializzati, un vero e proprio mercato finanziario. Lo scenario che si delinea è quello delle aggregazioni bancarie, anche a livello regionale, mentre le piccole e medie imprese restano sottocapitalizzate e fortemente dipendenti dal debito bancario a breve. In questo contesto le fondazioni di origine bancaria e le banche popolari, lungi dal costituire delle anomalie, possono invece continuare a contribuire in modo significativo alla crescita economica e sociale del nostro Paese. Come afferma nell’introduzione Carlo Secchi, «in Italia servono [...] istituzioni bancarie e finanziarie più ‘moderne’ (nei comportamenti) e più aperte alla concorrenza, con regole e organi di vigilanza più adeguati ai tempi, […] non tali da ingessare e soffocare, bensì da valorizzare la responsabilità dei soggetti economici».