• Un mestiere per vivere. Il metodo di ASLAM
  • Far crescere la persona. La scuola di fronte al mondo che cambia
  • L'università possibile. Note a margine della riforma
  • Esperienza elementare e diritto
  • Il liceo del lavoro
  • Lo sviluppo ha un volto. Riflessioni su un'esperienza
  • All'origine della diversità. Le sfide del multiculturalismo
  • Nelle mani dell'artigiano. Una realtà si racconta
  • Che cos'è la sussidiarietà. Un altro nome della libertà
  • Eppur si muove. Innovazione e piccola impresa
  • Sussidiarietà fiscale. La frontiera della democrazia
  • A qualunque costo? Lavoro e pensioni tra incertezza e sicurezza
  • Banche e finanza. La transizione incompiuta
  • Capitale umano. La ricchezza dell'Europa
Punto di fuga

S.O.S. Educazione. Statale, paritaria: per una scuola migliore

a cura di Luisa Ribolzi e Giorgio Vittadini

 

Pagine: 240

Anno: 2014

Prezzo: € 12,00

 

 

 

 

 

 

Il presente volume intende fare il punto sulla situazione del sistema scolastico italiano e sul ruolo che in esso svolge la scuola paritaria, analizzandone le dimensioni numeriche, gli andamenti, gli esiti in termini di apprendimento, i costi e le caratteristiche degli “imprenditori educativi”.
L’ottica degli autori è quella di offrire una serie di contributi in vista di un allineamento dell’Italia al sistema europeo, alla luce delle best practices già realizzate in altri Paesi dell’UE e negli USA.
Nel lanciare un “SOS educazione”, il volume invita a evitare in ogni modo posizioni viziate da un approccio ideologico, che da troppo tempo condiziona la riflessione sul tema di come attuare una effettiva parità tra scuola statale e scuola paritaria.
L’ipotesi di partenza è che solo adottando un atteggiamento pragmatico e innovativo capace di tenere in considerazione il maggior numero di fattori, sarà possibile realizzare un sistema scolastico nazionale, secondo il dettato della Legge62/2000, il che non significa in alcun modo omologare l’offerta formativa, se non in termini di affidabilità e di qualità.
L’emergenza educativa, che ormai è sotto gli occhi di tutti in Italia, impone uno sforzo di riflessione e di proposta che valorizzi il contributo di ciascuno – al di là degli schieramenti culturali e politici – in vista di una scuola migliore, a vantaggio di tutti: studenti, insegnanti, genitori e dell’intera società.
Chiunque rinunci per pregiudizio o indifferenza a esercitare questo compito di riflessione abdica a una responsabilità storica dalla quale dipende il futuro del nostro Paese.