• Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità
  • AVSI OVC Project Final evaluation
  • Alla radice dello sviluppo: l'importanza del fattore umano
  • Al servizio della persona e della città. Libertà ed efficacia nei servizi pubblici locali
Welfare, cooperazione e povertà

La povertà alimentare in Italia

Pima indagine quantitativa e qualitativa

 

a cura di Luigi Campiglio e Giancarlo Rovati

editore: Guerini e Associati

 

Pagine: 299

Anno: 2009

Prezzo: € 15,00

 

 

 

 

Il volume raccoglie i risultati della prima indagine quantitativa e qualitativa sulla povertà alimentare in Italia, realizzata dalla Fondazione per la Sussidiarietà insieme ad altri docenti della Cattolica del Sacro Cuore e dell’Università degli Studi di Milano – Bicocca.
La stima quantitativa del fenomeno utilizza per la prima volta i dati forniti dai circa 8000 enti (dati 2007) aderente alla Rete Banco Alimentare che offrono regolarmente aiuto a quasi un milione e mezzo di persone, si avvale, inoltre, di inedite soglie di povertà alimentare e di una ricca cartografia relativa alla distribuzione territoriale dell’indigenza. La parte qualitativa si basa su interviste a un campione di enti e di famiglie assistite, offrendo una fotografia della povertà in presa diretta.
Il contrasto alla povertà alimentare dipende in modo determinante dall’azione di questa rete di enti che ogni giorno distribuisce cibo donato dall’Unione Europea, dalle imprese della filiera agroalimentare, dalla grande distribuzione, da singole famiglie. Oltre ad aiutare materialmente, gli enti instaurano rapporti personali e rispondono così alla principale causa della povertà che è la solitudine.
Senza questa attività capillare, i poveri sarebbero più numerosi e vivrebbero in condizioni peggiori. Bisogna dunque impedire che questa rete si indebolisca, erogando maggiori aiuti pubblici e privati, in modo coordinato e tempestivo. Gli aiuti aggiuntivi servono anche a potenziare i servizi, a promuovere l’innovazione gestionale, a sviluppare il sistema informativo degli enti coinvolti.
La politica sociale che sostiene gli aderenti alla Rete banco Alimentare genera un rapporto autenticamente sussidiario tra istituzioni pubbliche, corpi sociali intermedi e cittadini: si tratta di un possibilità concreta, alla portata di tutti coloro che hanno responsabilità decisionali a livello politico, economico, finanziario.

 

E' stata presentata l'8 ottobre p.s. a Roma presso la sala Protomoteca del Campidoglio.